Wine Gallery

CLAUDIO MARIOTTO

Grandi vini di territorio, ed evoluzioni spettacolari nel Cortese e nel Timorasso.

La Voce del Vino Podcast
Wine Gallery - CLAUDIO MARIOTTO

Da Claudio Mariotto, vignaiolo a Vho sulla collina di Tortona, grandissime interpretazioni dei vitigni tradizionali del territorio.
Vasta la gamma dei rossi, a cominciare dalla “Martinella”, nella quale convivono Barbera, Freisa e Bonarda: un vino esuberante, fresco e leggermente “pétillant”.
Proviene invece dal Nibiö, antico clone di Dolcetto, il “Campo del Gatto”, vinoso e fruttato.
Non manca il Freisa nell'etichetta “Braghè”, elegante e delicato, con sottofondo di rosa e ciliegia, marasca e lampone.
Poi la Croatina, che Mariotto confeziona nell'etichetta “Montemirano”: affinata in tonneaux, è secca e abboccata, tannica e interminabile, con profumi leggermente erbacei.
Quindi la Barbera: si va da “Territorio”, proveniente da vigneti fra Tortona e Sarezzano, fino al “Poggio del Rosso”, selezione speciale dalle migliori uve della vigna del Poggio, affinata per tre anni in rovere. Aromi delicati, armonia e finezza: un vino davvero importante e persistente.
Capace di notevoli sperimentazioni, compresa l'evoluzione del vino in anfora, Mariotto esprime al meglio la sua creatività anche nei bianchi. Oltre al Moscato, fresco e suadente grazie alla finezza delle bollicine, si impongono Cortese e Timorasso.
Il Cortese è interpretato nell'etichetta “Coccalina” in versione vivace, prodotto con fermentazione naturale, per poi esplodere con evoluzioni inattese nel “Profilo”, fruttato e minerale, in grado di sviluppare una longevità straordinaria.
E infine il Timorasso: il “Derthona” è un bianco di grandissima personalità, in cui emergono carattere, profumi, mineralità e longevità. Caratteristiche ulteriomente in evidenza nel “Cavallina”, in perfetto equilibrio fra terreno e microclima, e nel “Pitasso”, un vino emozionante e di notevolissima struttura, con marcati sentori minerali.

Mariotto_01_840