Wine Philosophy

BORGOGNO

Niente chimica tra i filari, e in cantina il vino riposa nel cemento.

La Voce del Vino Podcast
Wine Philosophy - BORGOGNO

Niente chimica, erba tagliata a mano e trattamenti sostenibili, per un'uva a residuo zero.
La rivoluzione ecologica di Andrea Farinetti prosegue in cantina: niente lieviti selezionati, diraspatura senza pigiatura, dimezzamento della solforosa.
Dal 2013, in cantina, il cemento ha sostituito l'acciaio: «Solo il cemento permette al vino di fermentare in piena tranquillità, con calma e senza stress. Il risultato poi lo senti nel bicchiere».
L'ultimo anno di affinamento del Barolo avviene in una botte di castagno da 19.000 litri.

Borgogno_04_840x600