Benvenuti in Cantina

PODERI CELLARIO

Super-Nascetta, e Dolcetto della tradizione apprezzatissimo in America.

La Voce del Vino Podcast
Benvenuti in Cantina - PODERI CELLARIO

Duecentomila bottiglie, per il mercato italiano e quello estero, dagli Stati Uniti alla Cina, con bottiglie vendute persino in Islanda.
E' il traguardo raggiunto da Fausto Cellario, che dopo il diploma in enologia si è specializzato in Francia, vicino a Bordeaux, con l'idea di proporre anche a livello internazionale due grandi vini del suo territorio: il Dolcetto della tradizione, compresi alcuni importanti cru del Dogliani, e la Nascetta, l'interessante bianco delle Langhe salvato dall'oblio e ora rilanciato anche attraverso l'associazione “Indigenous Langa”. Viticoltura naturale, certificata da “Suolo e Salute”, nel massimo rispetto dell'ambiente.
Fin dalla nascita dell'azienda, creata dal padre, Giampietro, i Cellario hanno preferito puntare sul valore genuino dei vitigni autoctoni, 20 ettari distribuiti sull'altipiano di Carrù e soprattutto oltre il fiume Tanaro, tra le marne tufacee che si innalzano tra Farigliano e Dogliani.
Profumi inconfondibili da un terroir rinomato, quello dei Poderi Cellario.
E il grande piacere, per Fausto Cellario, di veder finalmente apprezzato anche in Giappone, in Cina e negli Stati Uniti quello che un tempo era semplicemente il “vino del popolo”, il Dolcetto quotidiano.
«E' una grande sorpresa, per noi, veder apprezzato in America anche un vino “punk” come il nostro Dolcetto-base, assolutamente non-vip, fedele al nostro modo di fare vino di territorio, naturale e profumato, facilissimo da bere».

Fausto Cellario

Fausto Cellario


via per Farigliano 23
12061 Carrù CN
info@podericellario.it
www.podericellario.it