Il vino degli altri

GERMANO E L’ ARMANGIA

Nizza e Barolo, sfida tra giganti anche sui bianchi, Riesling e Sauvignon.

La Voce del Vino Podcast
Il vino degli altri - GERMANO E L’ ARMANGIA

Bollicine Alta Langa contro spumante di Canelli, Riesling contro Sauvignon, Barolo di Serralunga contro Barbera d'Asti Superiore di Nizza.
Risultato: una distesa di bottiglie svuotate con entusiasmo.
Pubblico in visibilio al Barbagusto di Torino per la degustazione incrociata dei vini di Langa e del Monferrato astigiano, interpretati da due maestri assoluti come Sergio Germano di Serralunga d'Alba e Ignazio Giovine (L' Armangia) di Canelli, con vigneti anche a Moasca e San Marzano Oliveto.
«La bottiglia che ha ragione è sempre quella vuota», suggerisce Sergio, assaggiando i vini di Ignazio, che replica: «Non è il vitigno a fare la tipicità, ma il carattere e il pensiero del produttore».
Osservatore d'eccezione, Davide Panzieri di Slow Wine: «Passare una serata con due produttori di questa qualità è semplicemente fantastico: solo persone straordinarie possono fare vini così unici».
Dai cru «pazzescamente meravigliosi» di Germano (Cerretta, Prapò, Lazzarito e Vigna Rionda) alla suprema maestria di Giovine nell'interpretare la Barbera, verso la massima espressione del vitigno.
Ai tavoli del Barbagusto, tre round imperdibili. Prima le bollicine, Pinot Nero e Chardonnay, con l'Alta Langa di Germano e lo spumante dell'Armangia, 68 mesi sui lieviti. Poi i bianchi: il fantastico Sauvignon “Enne Enne” 2014 di Ignazio Giovine, etichettato come Monferrato Bianco, a confronto con il mitico “Herzu” di Germano, annata 2011, Riesling coltivato in alta Langa. Quindi il gran finale, con super-rossi che gareggiano in eleganza e bevibilità, potenza e morbidezza: evoluzioni perfette, affidate al controllo dei tannini nel “Barolo Cerretta” 2008 di Germano, oppure alla gestione dell'acidità nel “Nizza Titon” 2012 dell'Armangia.
Tante scoperte, per ciascun produttore, assaggiando il vino dell'altro: «Bellissimo incontrarsi e stare insieme, in una serata così».

Sergio Germano (Ettore Germano) e Ignazio Giovine (L' Armangia)

Sergio Germano (Ettore Germano) e Ignazio Giovine (L’ Armangia)

Germano_Giovine_02_840

Barbagusto_03_840