Il vino degli altri

SPERTINO E CA’ ROSSA

Mauro Spertino & Angelo Ferrio, al Barbagusto trionfa il miglior Piemonte.

La Voce del Vino Podcast
Il vino degli altri - SPERTINO E CA' ROSSA

«Sono rimasti fedeli a se stessi: non hanno cambiato il loro modo di essere, anche se oggi sono ormai diventati due fenomeni».
E' l'omaggio che Andrea Gazzera dell'enoteca torinese Rossorubino tributa ad Angelo Ferrio e Mauro Spertino, impegnati nella degustazione incrociata al Barbagusto, sotto la supervisione di un entusiasta Davide Panzieri, di Slow Wine: «Due campioni di umanità e di piemontesità, con vini da sogno, prodotti senza chimica e con lavorazioni manuali su vigneti impervi: quasi alpinistici i filari del Cortese di Spertino, così come quelli del Nebbiolo di Ferrio».
Una serata strepitosa fin dall'esordio, con il “Vilet” 2015, un Piemonte Cortese da uve surmature targato Luigi Spertino, Mombercelli, e (della stessa annata) il Roero Arneis “Merica” di Cascina Ca' Rossa, Canale d'Alba.
Poi i rossi: la sorprendente Barbera d'Alba Superiore “Mulassa”, 18 mesi in botte grande di rovere di Slavonia, e il Monferrato Rosso 2013, un piemontesissimo “Pinot Nero monferrino”.
Gran finale, con due rossi sbalorditivi: da Spertino la Barbera d'Asti Superiore “La Mandorla, edizione La Grisa” 2014, prodotta da uve stramature su una collina dove fiorivano i mandorli e prima ancora crescevano gli ulivi, nel cuore della Val Tiglione, e da Ferrio il “Roero Docg Audinaggio” 2013, strappato al ripidissimo pendio sabbioso di Valmaggiore.
Fuori “gara”, anche due extra per il pubblico: il Vermout di Spertino e il Roero Riserva “Mompissano” di Ferrio.
Monferrato e Roero, due interpretazioni della medesima devozione a territori unici, di origine marina, premiati dall'Unesco e onorati al meglio da due produttori straordinari, al tempo stesso artisti e profondamente contadini.

Mauro Spertino e Angelo Ferrio

Mauro Spertino e Angelo Ferrio

Al Barbagusto con Ferrio e Spertino

Al Barbagusto con Ferrio e Spertino

Degustazione al Barbagusto

Degustazione al Barbagusto