Wine Family

CORDERO DI MONTEZEMOLO

Dal 1340 alla Morra, 17 generazioni di viticoltori vicini a casa Savoia.

La Voce del Vino Podcast
Wine Family - CORDERO DI MONTEZEMOLO

Sette secoli di Baroli, a partire dal “matrimonio” tra i marchesi Cordero di Montezemolo, originari del Monregalese, e la famiglia Falletti, leader dell'aristocrazia nella Langa del Barolo: il giovane Alberto Cordero di Montezemolo, in forze all'azienda di famiglia dal 2005, rappresenta la diciassettesima generazione di una “dinastia del vino” impegnata dal 1340 sul territorio dell'Annunziata, a La Morra, fin dai tempi in cui la tenuta era estesa per centinaia di ettari, dedicati anche all'allevamento di ovini e bovini da latte e alla coltivazione di grano e pesche.
Capostipite della svolta enologica la trisnonna di Alberto, Luigia Falletti, e soprattutto suo figlio, Paolo Cordero di Montezemolo, che nel dopoguerra convertì a vite gran parte della tenuta.
«Un lavoro proseguito da mio padre Giovanni e da suo fratello, mio zio Enrico – racconta Alberto – che dagli anni '80 rinnovarono la produzione interpretando la modernità e abbandonando la cantina storica a La Morra per trasferire l'attività in mezzo ai vigenti, a Cascina Monfalletto».
Obiettivo: innovazione ma anche tradizione e rigore, fedeltà alla storia. «La nostra famiglia ha espresso nei secoli alti gradi militari e diplomatici, impegnati nel periodo napoleonico e con casa Savoia fino all'unità d'Italia».
Luca Cordero di Montezemolo, cugino di Alberto, fa parte del ramo bolognese della famiglia. «Noi invece siamo sempre rimasti qui, legati ai vigneti: abbiamo 28 ettari vitati attorno alla cantina, una vera rarità da queste parti».
Crescendo, Alberto non ha avuto dubbi: «La passione per il vino era innata, in me, fin da piccolo. E sono felice che i miei mi abbiano incoraggiato su questa strada, insieme a mia sorella Elena che oggi lavora con me».

Elena e Alberto con il padre, Giovanni

Elena e Alberto con il padre, Giovanni