Wine Gallery

CASCINA DEL MONASTERO

Frutto, morbidezza e profondità: tutto lo splendore dei rossi di Langa.

La Voce del Vino Podcast
Wine Gallery - CASCINA DEL MONASTERO

Nella gamma di Cascina del Monastero, a La Morra, non manca il Dolcetto d'Alba Superiore, da uve prodotte a Roddino: un rosso gentile, con aromi di frutta fresca e lampone, affinato per 12 mesi in barrique e lasciato in bottiglia per più anni.
Importante la presenza della Barbera, proposta in tre diverse etichette. Dalla Barbera “Tradizionale”, calda e avvolgente, con profumo di rosa fresca e classici sentori di bosco, alla Barbera “Parroco”, prodotta con uve del Bricco Luciani e dell'Annunziata; affinata anche 24 mesi in legno piccolo, è una Barbera morbida ed elegante, armonica e persistente. Oltre alla barrique, anche la botte di rovere di Slavonia concorre all'affinamento della terza Barbera dell'azienda, la “Barbera d'Alba Lepriè”, dalla frazione Perno di Monforte: 24 mesi in legno, poi un passaggio in acciaio. Una Barbera longeva e di grande bevibilità, ottimo corpo e perfetta acidità, con un tocco di rusticità che non intralcia i binari dell'eleganza.
Alla Cascina del Monastero c'è posto anche per vitigni internazionali: il Cabernet Savignon, che si sposa con Nebbiolo e Barbera per dar vita a un uvaggio fruttato e speziato, il “Fratin”, e poi il Merlot, che insieme al Nebbiolo dà origine a un altro Langhe Rosso, il “Sarsèt”, sapido ed equilibrato, con intensi sentori di fiori e frutta, dal lampone alla mora.

Il principe dei vitigni di Langa è in primo piano nell'etichetta “Langhe Nebbiolo Monastero”, prodotto all'Annununziata: dopo 2 anni in botti di rovere, si rivela un signor Nebbiolo: asciutto, tannico e ben strutturato, con sentori fruttati di pesca, noce e liquirizia.
E' il preludio ideale per i sorprendenti Baroli di Cascina del Monastero, a cominciare dall'etichetta “Barolo Tradizionale” – austero, elegante, raffinato – prodotto all'Annunziata e affinato in botti medio-piccole.
Altro Barolo Docg, il “Perno”, da Monforte: fermentazione lunga e affinamento per almeno 36 mesi in botti di medie dimensioni. Un Barolo classico, elegante, fragrante di rosa e lampone, ampio e consistente.
Dalla Morra proviene invece il terzo Barolo della casa, il “Barolo Docg Bricco Luciani”, in cui si esaltano equilibrio e profumi, complessità e profondità. Il “Bricco Luciani” fermenta anche per 15 giorni; l'invecchiamento è equamente suddiviso tra piccole botti di rovere e barriques.
Infine, sempre dall'Annunziata della Morra, provengono le uve del “Barolo Riserva Riund”, che dopo lunga macerazione affronta 12 mesi di affinamento in barrique nuove, più un altro anno in piccoli legni di secondo e terzo passaggio, per poi riposare altri 24 mesi in botti di rovere da 15 ettolitri. Un Barolo di grande complessità: al naso emergono rosa, viola, spezie e piccoli frutti; in bocca è armonico e rotondo, con una leggera nota tannica.

Monastero_02_840x600