Wine Gallery

CASCINA MELOGNIS

Bianco, rosso, rosè e bollicine: una gamma completa da vitigni alpini.

La Voce del Vino Podcast
Wine Gallery - CASCINA MELOGNIS

Una gamma completa da vigneti ai piedi del Monviso.
Dal “Comitis”, uvaggio bianco ottenuto da Chasselas, Gouais Blanc e Bolana, al rosè “Sinespina”, di facile beva, prodotto con Neretta Cuneese, Gamba di Pernice e Quagliano.
Un autoctono assoluto è il Pelaverga saluzzese: il “Colline Saluzzesi Pelaverga Divicàroli” di Cascina Melognis gioca su belle note olfattive speziate, con sentori di geranio.
Altro vitigno indigeno, lo Chatus (o Nebbiolo di Dronero, in realtà progenitore dell'Albarossa) contribuisce per il 30% a uno dei particolarissimi rossi di Cascina Melognis, l'“Ardy”, etichettato con la Doc “Colline Saluzzesi”; è la Barbera (presente al 70%) a incidere sul carattere dell'“Ardy”, vinificato con lieviti autoctoni ed evoluto per 18 mesi in legno piccolo di terzo passaggio.
Stesso affinamento per l'altro rosso di Cascina Melognis, l'imponente “Novamen”, anch'esso a base Barbera ma con un 30% di Pinot Nero.
E' invece il Pinot Noir di Borgogna a dare origine al metodo classico “Olim Atrum”, un sapido extra-brut che resta anche 36 mesi sui lieviti.

melognis_03_840x600