Wine Gallery

CASCINA PELLERINO

Arneis e bollicine, il Roero Riserva “Vigna del Padre” e grandi Barbere.

La Voce del Vino Podcast
Wine Gallery - CASCINA PELLERINO

Oltre a un Langhe Favorita affinato in acciaio, è l'Arneis il vitigno autoctono su cui Cascina Pellerino esprime il maggior numero di interpretazioni: dal Roero Arneis “Boneur”, tutto freschezza e sapidità, al Roero Arneis “Atipico”, da uve super- selezionate del Bricco della Salute a Monteu, affinato in acciaio e poi 6 mesi in bottiglia.
Insieme al Pinot Nero e allo Chardonnay, sempre l'Arneis dà origine al “Cascina Pellerino Brut Metodo Classico”, 36 mesi sui lieviti.
E il bianco più rappresentativo del Roero è proposto anche nella versione passito “Poch Ma Bon”, da uve stramature appassite sul tralcio per 45 giorni; viene poi affinato 6 mesi in barriques.
Il rosato “Enry”, prodotto con macerazione carbonica (Barbera e Nebbiolo) è il preludio ai rossi di Cascina Pellerino, a partire dalla Barbera d'Alba “Eleonora”, 6 mesi in acciaio più 3 in bottiglia, per arrivare alla “Barbera d'Alba Superiore Gran Madre”, prodotta a Canale: 10 giorni di macerazione, con frequenti follature, poi 16 mesi in barriques più altri 6 in bottiglia.
Infine il Nebbiolo: 9 mesi in botte piccola per il “Langhe Nebbiolo Giacomo” e per il “Roero Docg Vicot”, due grandi rossi che si impongono per finezza ed eleganza, profumi e bevibilità.
Doti ulteriormente esaltate dal “Roero Docg Riserva Vigna del Padre”, prodotto a Monteu con rese bassissime, solo 60 quintali per ettaro. Un imponente Roero Riserva, in cui emergono complessità ed equilibrio, frutto di anche 40 giorni di macerazione, prima del lungo affinamento (24 mesi in barriques e altri 6 in bottiglia).

Pellerino_04_840x600