Wine Gallery

VINCHIO – VAGLIO SERRA

Super-gamma: tanta Barbera, insieme a tutti gli altri autoctoni del Piemonte.

La Voce del Vino Podcast
Wine Gallery - VINCHIO - VAGLIO SERRA

Una cinquantina di etichette dedicate agli autoctoni del Piemonte, Barbera in primis.
Dalla più semplice “Piemonte Barbera” al Nizza “Laudana”, tante diverse intrerpretazioni: “Arengo”, “Rive Rosse”, “La Briccona”, “Sorì dei Mori”, fino a etichette storiche come “I Tre Vescovi” e “Vigne Vecchie”, ora anche “50esimo anniversario”, e poi un'altra grande Barbera d'Asti Superiore, la “Sei Vigne Insynthesis”, anch'essa creata dal genio enologico di Giuliano Noè.
Tra gli altri rossi, il Dolcetto nelle etichette “Piemonte Dolcetto” e “San Giorgio”, il Grignolino d'Asti “Le Nocche”, il Freisa “La Martana”, la Bonarda frizzante “Mie Gioie”, il Monferrato Rosso “Tutti per Uno” e il “Rebus Docg”, un Ruché di Castagnole Monferrato.
Quindi il Langhe Nebbiolo “Sette Figlie”, il Barbaresco e il Barolo.
Inoltre, il rosato “Rosa di Rovo”, lo Chardonnay “Le Masche” e i tantissimi bianchi autoctoni: il Cortese, nelle etichette “Piemonte Cortese” e “Verde Mare”, il Monferrato Bianco “Lipiai”, il Gavi “Dorato”, il Roero Arneis “Il Griso”.
Tra gli spumanti il metodo classico “I Tre Vescovi Rosè”, il brut “Castel del Mago” (Pinot Nero e Chardonnay), l'extra-dry “Castel del Mago Rosè”, il Cortese extra-dry “Cellino”, il “Castel del Mago Dolce” da uve Brachetto e l'Asti Spumante “Valamasca”.
Tra i “vini da dessert” il Moscato “Vigne Rare”, il Moscato Passito “Monbrusato”, il Brachetto “Nivasco”, l'aromatizzato “Pancratium” e la “Perla Rossa”, da uve surmature.
Infine le grappe monovitigno – Brachetto, Moscato e Barbera, comprese le etichette “Vigne Rare”, “Vigne Vecchie” e “Barbera Riserva Sinquantesim”, 50° anniversario – senza contare la vastissima offerta di vini proposti anche nel formato “bag in box”.

Vinchio_vaglio_03_840x600