Wine Land

DELTETTO

Mille e un Roero, vini sapidi da colline diversissime di origine marina.

La Voce del Vino Podcast
Wine Land - DELTETTO

«Siamo sempre stati considerati una sorta di succursale delle Langhe», dice Antonio Deltetto, «ma le colline del Roero, sulla riva sinistra del Tanaro, sono un mosaico di terreni diversissimi tra loro, con sabbia e detriti alluvionali».
L'eredità del mare preistorico è testimoniata dall'abbondanza di fossili tra le zolle: «Sono preziosi, rilasciano micro-elementi che danno al vino una straordinaria qualità organolettica, un'identità inconfondibile».
Nel Roero non c'è un terreno equivalente a un altro: «Abbiamo colline tagliate a metà tra suoli argillosi e calcarei, in altre domina lo strato sabbioso che dà finezza al Nebbiolo: già i vecchi sapevano bene quali vitigni piantare, e dove».
A Canale, Deltetto produce il 95% del suo Arneis, dallo storico vigneto San Michele al fresco anfiteatro del vigneto Daivèj, da cui proviene la famiglia.
Da Castellinaldo proviene invece la Barbera “Bramè”, la cui super-selezione dà origine alla Barbera Superiore “Rocca delle Marasche”. Infine, sulla collina Braja di Santo Stefano Roero crescono le vigne del Nebbiolo da cui nasce il Roero Riserva di Deltetto.

Deltetto_04_840