Wine Land

ROCCHE COSTAMAGNA

Dal cuore dell’Annunziata, Nebbioli selezionatissimi per dare super-Baroli.

La Voce del Vino Podcast
Wine Land - ROCCHE COSTAMAGNA

«A volte non capisco se è il mio Barolo o quello dei miei vicini, ma so che viene dalle Rocche dell'Annunziata: è inconfondibile».
Alessandro Locatelli parla quasi con affetto della sua “creatura” principale, che nasce da un unico vigneto di quattro ettari e mezzo, storicamente di proprietà familiare: «E' un Barolo unico, particolarissimo, con profumi intensi e balsamici, accenti di menta ed eucalipto. A differenza di quelli di Serralunga e Castiglione Falletto, i Baroli delle Rocche sono già pronti e ben equilibrati dopo 4-5 anni. Noi però facciamo macerazioni lunghe, che ne prolungano la longevità: quest'estate ho assaggiato dei Baroli del 2005, erano fantastici».
Se Rocche dell'Annunziata rappresenta il cuore storico dell'azienda, nonché la massima eccellenza in termini di produzione (grazie anche all'esposizione sud-sudovest, su una collina vocatissima per il Nebbiolo da Barolo), Rocche Costamagna dispone di circa 15 ettari, parte acquisiti e parte in affitto, tra La Morra e Verduno.
Tutti gli impianti sono stati completamente rinnovati 15-20 anni fa.
Con grandi risultati, sottolinea Alessandro: «Specie il Nebbiolo beneficia di lunghe ricerche e sperimentazioni. Oggi abbiamo cloni diversi, selezionati per dare la massima qualità: grappoli piccoli e acini di minime dimensioni, niente a che vedere coi Nebbioli di una volta».

La Morra e i suoi vigneti

La Morra e i suoi vigneti