Wine Market

CORDERO DI MONTEZEMOLO

Alberto Cordero: uniti si vince, Langhe e Piemonte batteranno la Francia.

La Voce del Vino Podcast
Wine Market - CORDERO DI MONTEZEMOLO

«Se siamo arrivati fin qui vuol dire che la strada è giusta, ma nei prossimi 6-7 anni sarà decisivo imparare a raccontare ancora meglio la qualità assoluta del nostro territorio, le Langhe, perché in Cina sanno a malapena dov'è l'Italia».
Alberto Cordero di Montezemolo, 270.000 bottiglie vendute ogni anno, il 30% in Italia e il 70% in tutto il mondo (cominciando da mercati storici come Usa, Canada, Germania e Svizzera) ha le idee chiarissime sul futuro del vino italiano: «Il made in Italy ha fascino, l'italianità è apprezzatissima e, dopo le auto e la moda, oggi è il vino a suscitare il maggior interesse. Finito il lungo dominio francese, con Bordeaux e Borgogna, i “cugini” d'oltralpe hanno perso colpi: prezzi esagerati e annate non sempre al top. Così sono emerse le Langhe, e in generale il Piemonte, che alla Francia non ha assolutamente nulla da invidiare, anzi: qualità anche superiore, e prezzi ragionevoli».
Orizzonte lusinghiero, affidato a tanti giovani, ma a una condizione: «Che impariamo a fare sistema, collaborando di più per promuoverci. Non ci vuole molto: la produzione complessiva del Barolo ammonta a 14 milioni di bottiglie l'anno, quella del Barbaresco a poco più di 5. Se uniamo le forze, pensando in grande e tutti insieme, possiamo fare tantissimo».

Cordero_05_840x600