Wine Philosophy

ROCCHE COSTAMAGNA

Semplicità, naturalezza e vinificazioni classiche, su misura per ciascun vitigno.

La Voce del Vino Podcast
Wine Philosophy - ROCCHE COSTAMAGNA

Vendemmie sempre più ritardate, per “rispondere” alle intemperanze del clima, sempre più caldo: «Non facciamo neppure più la “potatura verde”, le foglie d'estate le lasciamo perché facciano ombra ai grappoli», racconta Alessandro Locatelli, che gestisce i vigneti secondo i criteri di sostenibilità della “lotta integrata”, con pochi trattamenti, concimazioni limitate, niente diserbanti né pesticidi.
In cantina, vinificazioni differenziate, su misura per ciascuna tipologia di uva: la fermentazione lunga a bassa temperatura, col vino che resta 3 mesi sui lieviti, conferisce all'Arneis maggiore complessità aromatica e persino longevità.
Il Dolcetto, “facile” e fruttato, è prodotto invece con macerazioni brevi, in acciaio, badando al controllo dei tannini.
Nella Barbera, le rese molto basse garantiscono un'ottimale maturazione; per l'estrazione dei profumi possono bastare 4-5 giorni, poi il vino evolve in barriques anche usate, non invasive.
Anche nel Nebbiolo si ricerca innanzitutto l'integrità del frutto, il carattere del vitigno. Rocche Costamagna adotta una macerazione a freddo lunga 2 settimane, più una terza settimana di macerazione post-fermentativa con bucce immerse.
Quindi la lunga evoluzione: i Baroli stazionano 2 anni in botti di rovere di Slavonia da 25-30 ettolitri, per mantenere vive le caratteristiche di riconoscibilità del vitigno.

Botti per l'affinamento del Barolo

Botti per l’affinamento del Barolo