Wine Tales

BRICCO DEL CUCU’

Diavoli e santi, l’inferno di San Fiorenzo si trasforma in un paradiso da bere.

La Voce del Vino Podcast
Wine Tales - BRICCO DEL CUCU'

«Tra etilometri e proibizionismi vari, oggi stanno cercando di mandarci all'inferno». Ma non ci riusciranno, scommette Dario Sciolla.
Lui, l'inferno ce l'ha a due passi da casa. Ma è un capolavoro di arte gotica: sono gli affreschi del 1472 che ornano le pareti della chiesa di San Fiorenzo a Bastia Mondovì, il più grande ciclo affrescato di quel periodo rimasto intatto, in Piemonte.
Una spettacolare “cavalcata dei vizi”, che la famiglia Sciolla – legatissima al territorio d'origine, inclusa la sua arte medievale – ha tradotto in etichette fantasmagoriche e bellissime, ispirate agli affreschi che denunciano i peccati capitali: così la collera diventa “Livor”, la superbia “Superboum”.
Quanto al “Diavolisanti” (Dolcetto e Merlot), bene e male sono opposti verticalmente, capovolti come nelle carte da gioco: «Cominci a bere e sei all'inferno, ma inclinando via via la bottiglia sempre più vuota ti ritovi in compagnia dei santi».
Non fa una grinza: «Del resto, qui siamo in paradiso, no?».

Irene e Dario Sciolla

Irene e Dario Sciolla