Wine Tales

CASCINA DEL MONASTERO

Fantasmi in cantina e vinoterapia, nell’ex monastero visitato da Pio VII.

La Voce del Vino Podcast
Wine Tales - CASCINA DEL MONASTERO

Anche il cardinale Luigi Chiaramonti, futuro Papa Pio VII, che poi incoronò Napoleone, fu tra gli storici visitatori di Cascina Luciani, oggi Cascina del Monastero: «Ah, la Morra: bel cielo e buon vino», le parole con cui ricordò quella sua permanenza del 1775.
Monaci, prelati e anche spettri burloni: «Lo ammetto, io vivo tra i fantasmi», racconta Beppe Grasso: «Ogni tanto in cantina spariscono oggetti che poi misteriosamente tornano dov'erano. E una notte qualcuno mi ha salvato la vita, sollevando per miracolo una botte che mi stava crollando addosso».
Farà ridere, dice Beppe, «ma io ci credo. E ci crede anche il fotografo Nevio Doz, mio amico, che sta cercando di fotografare le presenze che io avverto in cantina».
Fantasmi a parte, a Cascina del Monastero ci si rilassa parecchio. Persino con la vinoterapia, meravigliosamente sensuale: «Gli stranieri la amano», assicura Velda Grasso, «mentre noi italiani dobbiamo ancora imparare a volerci bene, partendo dalla cura del corpo». Ci si cosparge di vinacce, poi ci si sciacqua col vino: «La prima volta che io e Velda l'abbiamo fatto – scherza Beppe – è nato nostro figlio Loris!».

Monastero_06_840x600