Wine Tales

COLLINA SERRAGRILLI

Il Barbaresco per Nick Mason (Pink Floyd) e il vino di George Best.

La Voce del Vino Podcast
Wine Tales - COLLINA SERRAGRILLI

Non chiedetegli di andare a potare le viti, potrebbero “disarmarlo” strappandogli di mano le cesoie. «In vigna ci vado lo stesso», confessa Piernicola Bruno, «ma per godermi il suono del silenzio, “The Sound of Silence”».
Vino e musica: è la specialità del direttore commerciale di Serragrilli.
Tanti incontri, con artisti anche famosi, tutti amanti del buon vino.
Uno su tutti: Nick Mason, batterista dei mitici Pink Floyd, incontrato in Gran Bretagna per un brindisi al Barbaresco.
E, sempre in Inghilterra, Collina Serragrilli si era “gemellata” con uno dei calciatori più esplosivi di tutti i tempi, nientemeno che George Best: «Voleva un vino tutto suo, anzi due – un bianco e un rosso – e scelse noi come produttori. Ebbe la sua bella etichetta, personalizzata con la sua firma. Oggi che non c'è più – dice Piernicola – penso che sarebbe bello recuperare quella nostra amicizia, magari con un'etichetta “limited edition” a scopo etico, per sostenere la cultura del “bere responsabilmente”».

George Best

George Best