Wine Tales

ROCCHE COSTAMAGNA

Alessandro Locatelli: 2016 fantastico, mai vista una vendemmia così.

La Voce del Vino Podcast
Wine Tales - ROCCHE COSTAMAGNA

«Un'annata da incorniciare, non ne ricordo un'altra simile in trent'anni». Per Alessandro Locatelli, la stagione 2016 passerà alla storia.
«E dire che eravamo partiti male, in forte ritardo. Poi ci si è messo un luglio capriccioso, carico di grandine».
Riparati i danni, è arrivato un agosto anomalo, freddo: «E' un fatto decisamente raro, che aumenta l'acidità dell'uva e prolunga la maturazione nel corso dell'autunno».
Ma ogni incognita è finita, come per prodigio, il mese seguente: «Il più bel settembre che ricordi: notti fresche, giorni caldissimi e secchi, una pioggerella ogni tanto al momento giusto. Le viti hanno recuperato una maturazione perfetta, abbiamo finito la vendemmia una settimana più tardi rispetto all'anno precedente ma con un'uva fantastica, tenore zuccherino ottimale, acidità consistente, sanità perfetta. Il che significa: vini eccelsi e gradazioni importanti».
Negli ultimi anni, il riscaldamento globale complica le cose: il caldo estivo accelera la maturazione degli zuccheri, che anticipa troppo quella dei tannini, che invece ha bisogno del fresco notturno.
«Il Nebbiolo ci mette alla prova tutti gli anni, vendemmie uguali non esistono».
Certo però che il 2016 resterà nella memoria: «E' vero, tutte le grandi annate dei Baroli, quelle che danno vini che danno il meglio di sé anche dopo 25 anni, hanno quasi sempre coinciso con un'estate fresca, che garantisce una graduale maturazione fenolica nelle ore notturne».

Alessandro Locatelli nella sua azienda a La Morra

Alessandro Locatelli nella sua azienda a La Morra