News

VINI BUONI D’ITALIA

Identità e territorio: il vino italiano non ha rivali al mondo.

La Voce del Vino Podcast
News - VINI BUONI ITALIA MARIO BUSSO

«Siamo unici al mondo per territorialità, con 360 vitigni vinificati: oggi la percezione del vino italiano ha superato anche quella francese», spiega Mario Busso, che ad Asti ha presentato l'ultima edizione della guida “Vini Buoni d'Italia”, che da 13 anni premia solo i migliori produttori che utilizzano vitigni autoctoni.
Un patrimonio eccezionale, fino a ieri a rischio estinzione, ma che oggi costituisce la forza dell'offerta italiana di qualità: «Identità e territorio rendono unica la percezione internazionale dei nostri vini: è un fatto di cultura e valori esclusivi, un cocktail che può produrre un vino epico».
Non è retorica: «Abbiamo un'immensa gamma di differenziazioni pedologiche e climatiche, che corrispondono anche all'articolazione regionale: se dico Verdicchio penso a Jesi, se dico Nero d'Avola mi viene in mente la Sicilia, se cito il Nebbiolo siamo in Piemonte: è una cosa che i mercati evoluti apprezzano sempre di più: a volte gli stranieri dimostrano di conoscere meglio di noi certi nostri cru».
Tra i segreti dell'export, in forte crescita, anche l'attenzione per l'ambiente: «Negli Usa e in Nord Europa, in paesi come la Svezia, la Norvegia e l'Olanda, si premia l'impegno che la viticoltura italiana dimostra per la sostenibilità ecologica».
Un consiglio? «Meno “pornografia enologica” e più cultura, più informazione e formazione, e avremo un consumo ancora più maturo e consapevole».
E le maggiori sorprese 2015 nella guida, tra i vini piemontesi? Busso segnala la grande evoluzione del Ruché, «con grandi interpretazioni e molto impegno in termini di ricerca, da parte di alcune aziende».
E poi il Grignolino, molto spesso trascurato dalle guide: «Ce ne sono di ottimi e raccontano bene il territorio del Monferrato. Il Grignolino è un validissimo rosso da pesce, da abbinare ad esempio a certi sushi. E' un vino che impegna meno di altri e ti lascia bere qualche bicchiere in più».

Mario Busso

Mario Busso