Le Terre del Vino

ROERO, BUONO TUTTI I GIORNI

Cernilli e Farinetti promuovono a pieni voti il distretto vinicolo roerino.

La Voce del Vino Podcast
Le Terre del Vino - ROERO DAYS, PARLANO GLI ESPERTI

«L'unione fa la forza: è la chiave del successo per i piccoli produttori del Roero, che oggi presentano sorprendenti Arneis e ottimi Nebbioli, a prezzi più accessibili di quelli della “golden Langa”».
A Torino per “Roero Days”, Daniele Cernilli (Doctor Wine) promuove a pieni voti i vini del Roero, insieme a Oscar Farinetti: «Il payoff del Roero dovrebbe essere “buono tutti i giorni, con tutti i piatti”», suggerisce il creatore di Eataly.
«Un consiglio? Abbinare all'etichetta “Roero docg” la dicitura “Nebbiolo”, per aiutare il mercato mondiale dei grandi Nebbioli della sinistra del Tanaro».
Vittorio Manganelli mette l'accento sul boom dell'Arneis, oltre 6 milioni di bottiglie l'anno, con qualità in crescita costante, come certificato da Fabio Gallo (Ais) e Giancarlo Gariglio (Slow Wine), presenti a “Roero Days” insime a giornalisti internazionali (Decanter).
«Siamo un distretto unico in Italia», dice Francesco Monchiero, presidente del consorzio roerino: «Non è facile trovare un altro posto dove, sulle stesse colline, si producono un grande bianco e un grande rosso».
Intensissima la due giorni di Venaria Reale: il Roero Docg a confronto con Barolo, Barbaresco, Ghemme, Gattinara e Carema (l'Arneis invece a tu per tu con Erbaluce, Gavi, Timorasso e Nascetta).
«E' ufficiale: il Roero non è più il figlio minore del Nebbiolo da Barolo», annuncia una blogger come Enrica Mantovan, che “vota” per i vini di Malabaila (Canale).
Matteo Correggia, Monchiero Carbone e Valfaccenda sono invece i preferiti di Cavallito & Lamacchia (La Repubblica), lieti che il Roero non scimmiotti il Barolo ma valorizzi la sua naturale snellezza, sulle orme dei Pinot Noir di Borgogna.
C'è ancora da lavorare per affermarlo sul mercato americano, dice Andrea Gazzera dell'enoteca torinese RossoRubino, ma dove si sceglie il legno grande – assicura il sommelier Livio Del Chiaro, “campione” della Fisar – il Roero Docg non ha niente da invidiare ai migliori rossi delle Langhe.

Oscar Farinetti con Daniele Cernilli a Roero Days

Oscar Farinetti con Daniele Cernilli a Roero Days

Francesco Monchiero

Francesco Monchiero

Roero Days

Roero Days