Benvenuti in Cantina

GILLARDI

Dogliani e Barolo della tradizione, e creatività francese con Syrah e Merlot.

La Voce del Vino Podcast
Benvenuti in Cantina - GILLARDI

«La più grande fortuna? Aver trovato vigna e cantina nel cuore di Barolo, per poter esordire anche come produttore di Barolo Docg».
Nel biglietto da visita di Giacolino Gillardi, enologo in forza a una grande azienda albese come Ceretto, c'è però il poggio di Corsaletto sulle colline di Farigliano, a picco sul Tanaro: è la patria del Dogliani Docg, bandiera dell'azienda, che Gillardi continua ad affinare solo in acciaio.
La barrique – e adesso anche l'anfora – è destinata invece ad affinare il Syrah, che il nonno imparò a coltivare nella Côtes du Rhôn.
Viticoltura biologica, e vinificazioni anche con il cemento. Innovazione e tradizione: «Il mio Barolo evolve solo in botte grande, e per trenta mesi».
In tutto 9 ettari (otto a Farigliano e uno tra Barolo e La Morra) per un'azienda che, se la stagione è favorevole, sfiora le 50.000 bottiglie annue.
Solido mercato internazionale, dagli Usa al Giappone, ma – sorpresa – il 70% delle vendite è ancora italiano: «Non è corretto trascurare il mercato nazionale».
Un'evoluzione costante, nel segno dell'eccellenza, partendo da origini memorabili: «Gli antenati in Francia, l'organetto di mio padre musicista, e la corrente elettrica garantita solo alla fine degli anni '70, in quest'angolo di Langa».
Un territorio che oggi sta volando, grazie ai costanti investimenti in qualità: «Non esiste disoccupazione, se non per certi nostri “bamboccioni con lo smartphone”».
Tra questi non figura certamente la giovanissima Elena Gillardi, fresca di laurea in legge: «Mia figlia – dice Giacolino – finirà per restare con me in azienda. La capisco: fatichi in vendemmia, ma poi finisci a New York a presentare i tuoi vini, accolto con tutti gli onori».

Giacolino Gillardi

Giacolino Gillardi


Azienda agricola Gillardi
Cascina Corsaletto, 69
12060 Farigliano CN
gillardi@gillardi.it
www.gillardi.it

1 Comment