Wine Gallery

BREZZA

Cannubi e Sarmassa, l’eden del Barolo tra i migliori terroir di Langa.

La Voce del Vino Podcast
Wine Gallery - BREZZA

Oltre alle grandi declinazioni del Nebbiolo, prodotto dai grandi cru di Barolo, l'azienda Brezza propone un “Langhe Doc Chardonnay”, solo acciaio, un freschissimo “Langhe Doc Rosato” da uve rosse e un “Dolcetto d'Alba Doc” affinato in acciaio e cemento.
Quindi la Barbera, in due versioni: dalla Barbera d’Alba Doc “Vigna Santa Rosalia”, da vigneti tra Alba e Diano d'Alba (un rosso elegante e floreale, affinato in acciaio e imbottigliato con tappi di vetro), si passa alla Barbera d’Alba Superiore, di grande struttura, che evolve a lungo in botti di rovere di Slavonia per poi restare in bottiglia 12 mesi.
C'è anche un “Langhe Doc Freisa”, tannico e giovanile ma con vocazione alla longevità, per poi arrivare al Nebbiolo: il “Langhe Doc Nebbiolo”, in acciaio, fresco ed esuberante, e il “Nebbiolo d’Alba Vigna Santa Rosalia”, profondo e complesso, 12 mesi in botte di rovere e altri 12 in bottiglia.
Imponente la selezione dei Baroli, che nascono da terroir favolosi in cui si mescolano le Arenarie di Diano e le Marne di Sant'Agata, in perfetto equilibrio tra eleganza e potenza.
Da Barolo, Monforte d'Alba e Novello nasce il “Barolo Docg” in versione classica, affinato in botte grande e imbottigliato col tappo di vetro.
Da vigneti di Barolo provengono gli altri fuoriclasse dell'azienda, a partire dal “Barolo Docg Castellero”, prodotto solo nelle annate migliori.
Non ha bisogno di presentazioni il “Barolo Docg Cannubi”, prodotto con lunghe macerazioni e affinato per almeno due anni in botti di rovere di Slavonia da 30 ettolitri, prima di riposare per un altro anno in bottiglia.
Analoga lavorazione per un altro campione, l'elegantissimo “Barolo Dogc Sarmassa”, che nasce da macerazioni ancora più lunghe.
Doti di equilibrio, armonia e profondità che si esaltano ulteriormente nel “Barolo Riserva Dogc Sarmassa Vigna Bricco”, da uve prodotte nella posizione più privilegiata della Sarmassa, esposta a sud. Un imponente Barolo Riserva, che si impone per complessità e rotondità; staziona in bottiglia per due anni, e si candida ad affrontare evoluzioni infinite.

Brezza_03_840x600