Wine Tasting

CASCINA MONSIGNORE

Freschezza e profumi, nel Dogliani Docg d’alta quota delle Langhe Monregalesi.

La Voce del Vino Podcast
Wine Tasting - CASCINA MONSIGNORE

Due interessanti interpretazioni del Dogliani Docg da Cascina Monsignore di Vicoforte Mondovì, con vigneti a 600 metri di quota ed escursioni termiche che assicurano profumi di grande intensità.
Giuseppe Blengini è tra i produttori che hanno resistito alla flessione commerciale del Dolcetto, scommettendo proprio sull'eccellenza del Dogliani, pur in una cantina che affida il suo futuro anche alle bollicine Alta Langa (Pinot Nero e Chardonnay) nonché a bianchi come il Riesling e l'Incrocio Manzoni, decisamente insolto in zona Dogliani.
Ma è innanzititutto il territorio a tener banco, a cominciare dal Dogliani Docg “Podere del Monsignore”, solo acciaio, che esibisce l'esplosiva agilità dell'annata 2015, cui segue il Dogliani Docg “Vigna del Vescovo” 2015, affinato in legno grande, che mette in mostra pienezza di frutto e ottimo affinamento in legno grande.
Parola di Davide Panzieri (Slow Wine), che ha degustato i Dogliani di Cascina Monsignore per La Voce del Vino.

I Dogliani Docg di Cascina Monsignore

I Dogliani Docg di Cascina Monsignore