Wine Tasting

DANIELE COUTANDIN

Ramìe e Barbichè, tutto il sapore della viticoltura eroica sulle Alpi pinerolesi.

La Voce del Vino Podcast
Wine Tasting - COUTANDIN

Vitigni rari, quasi in via di estinzione, sopravvissuti sulle Alpi tra Val Chisone e Val Germanasca, a metà strada tra Pinerolo e il Sestriere: accanto alla Barbera, sono gli autoctoni meno consueti (Avarengo, Avanà, Becuèt, Chatus) a dare vita e anima al “Ramìe” firmato da Daniele Coutandin sulla scorta del grande impegno dei genitori, Giuliano e Laura, su filari impervi, aggrappati a terrazze vertiginose, servite da una monorotaia come nelle Cinque Terre e nel Vallese svizzero.
Oltre al “Pinerolese Ramìe Doc” 2014, alla prova di Davide Panzieri (Slow Wine) anche il “Barbichè”, prodotto con le stesse uve ma affinato in legno piccolo, barriques di quinto passaggio.
Una degustazione da ricordare, pensando innanzitutto alla tenacia che sorregge l'autentica viticoltura “eroica”, tutta passione, per una produzione preziosa ma esigua, che non raggiunge le 2.500 bottiglie all'anno.

coutandin_08_840x600